» dimenticato la password?
  

invito
 
 
  PAROLA DAL AL  
  TIPOLOGIA   Indici e Mercati  Borsa Italiana  Borse Europee  Borsa Americana                                        
 
 
Indici e Mercati
 

16/05/2017|12:24
Nel mese di aprile, i flussi degli Etf ed Etp globali per 40,1 miliardi di dollari hanno portato gli asset vicino ai 4.000 miliardi
La ricerca globale di BlackRock, ETP Landscape, evidenzia ancora flussi positivi per l’industria degli Etf ed Etp, in particolare sull’azionario Europa, a scapito dell'equity Usa, e sul debito emergente, mentre proseguono i deflussi sui bond investment grade europei


L’industria degli Etf ed Etp ha più che raddoppiato la sua dimensione nel corso di soli quattro anni, grazie ad afflussi record per 228,6 miliardi di dollari da inizio anno e 524,5 miliardi negli ultimi 12 mesi: è quanto emerge dall’ETP Landscape di aprile, rilasciato da BlackRock.
Tra le principali evidenze, si segnalano i flussi sui prodotti azionari non statunitensi, che hanno registrato il maggior picco, raggiungendo i 15,2 miliardi di dollari nel corso del mese, guidati da prospettive positive per le esposizioni allargate su Europa e mercati emergenti.
Continua la domanda da parte degli investitori di fondi obbligazionari, con flussi di 11,6 miliardi di dollari (quarto mese consecutivo con livelli superiori ai 10 miliardi di dollari), grazie all’interesse sul debito dei mercati emergenti, ai bond corporate investment grade e ai titoli del Tesoro statunitense.
Patrick Mattar, del team Emea Capital Markets di iShares (BlackRock), ha così commentato le cinque principali tendenze dei flussi degli Etf ed Etp europei di aprile.

Prosegue il dominio degli azionari
“Per il settimo mese consecutivo, i flussi verso gli Etf azionari domiciliati in Europa (+1,29 miliardi di dollari) hanno sorpassato il reddito fisso (+1,28 miliardi), con una differenza in contrazione rispetto agli ultimi mesi. Nel corso dei precedenti 12 mesi si sono registrati 40,2 miliardi di dollari di afflussi su Etf/Etp azionari, rispetto a 21,6 miliardi sugli obbligazionari”.

Tutti comprano in Europa
“Continuano i flussi sull’azionario europeo, spinti apparentemente dai risultati del primo turno di elezioni in Francia e a risultati societari superiori al consensus. Nel mese di aprile, gli su Etf/Etp azionari europei hanno visto afflussi per 3,6 miliardi di dollari, dai 4,9 miliardi di dollari di marzo. Da ottobre 2015, aprile è stato il primo mese con flussi maggiori su fondi azionari europei domiciliati in Usa rispetto a quelli su fondi azionari domiciliati in Europa. Infatti, da dicembre 2015 a gennaio 2017, 39 miliardi di dollari sono fuoriusciti i da fondi azionari europei domiciliati negli Stati Uniti”.

Continuano i flussi degli azionari dei mercati emergenti
“Aprile è stato il terzo mese consecutivo di flussi positivi per gli Etf azionari sui mercati emergenti. Questa inversione si è registrata dopo un trimestre di deflussi, a seguito delle elezioni americane, dove la retorica protezionista del presidente Trump sembrava aver spaventato molti investitori. Nel corso degli ultimi 2 anni, l’indice Msci Emerging Markets è stato negativo (-2,5%), con similitudini tra flussi e andamento del mercato”.

Il debito dei mercati emergenti ha continuato a dominare il reddito fisso
“Ad aprile, con flussi pari a 1,1 miliardi di dollari, il debito dei mercati emergenti si è qualificato quale asset class obbligazionaria favorita, posizione mantenuta ogni mese, da inizio anno. Quest’anno i fondi in valuta forte e locale hanno generato flussi significativi, contrariamente alle aspettative del mercato sulla base della retorica protezionistica del presidente Trump. Con rendimenti, rispettivamente, del 5,4% e del 6,2%, l’interessante premio per il rendimento rispetto alle esposizioni del mercato sviluppato e la minore volatilità del rendimento confrontata al credito high yield ha favorito il ritorno dei flussi, dopo le fuoriuscite dell’ultimo trimestre del 2016 a causa delle elezioni americane. Allo stesso tempo, da inizio anno, vi sono stati deflussi per 1,1 miliardi di dollari da bond investment grade europei, soprattutto dalle esposizioni europee core, con deflussi in aumento a seguito del primo turno di votazioni in Francia”.

Sull’azionario statunitense vi sono visioni divergenti
“Gli investitori europei hanno venduto l’azionario statunitense, preferendo gli Etf azionari focalizzati sull’Europa. Le esposizioni azionarie Usa hanno registrato una raccolta di 170 miliardi di dollari in sei mesi, dal giorno delle elezioni americane, l’asset class con maggiori flussi in ingresso all’interno dell’universo globale degli Etf, nel periodo. I fondi azionari statunitensi domiciliati in Europa, nel mese di aprile, hanno registrato i maggiori deflussi tra la gamma di fondi europei, con fuoriuscite pari a 1,6 miliardi di dollari, nonché il dato mensile più negativo sull’asset class da marzo 2015”.



 
 

copyright 2004 - 2017 - MondoInvestor S.r.l.

crediti
Via Vittor Pisani, 22 - 20124 - Milano 
Cod. Fiscale, P.IVA e nr. Reg. Imprese di Milano 13228870153 – REA N° MI- 1631083
RSS Avvertenze Diritto d'autore Informativa Mappa