ETFplus.net SPDRs ETF
 Newsletter IV, anno XI, dalla redazione di ETFplus.net
Edizione del 17 Marzo 2015
 SSGA lancia 4 Etf azionari Advanced Beta sullo Xetra

State Street Global Advisors (SSGA), la società di asset management di State Street Corporation, ha avviato alle negoziazioni sullo Xetra di Deutsche Boerse quattro nuovi Etf azionari “advanced beta”: Spdr Msci Europe Value Weighted Ucits Etf, Spdr Msci Usa Value Weighted Ucits Etf, Spdr Msci Europe Small Cap Value Weighted Ucits Etf e Spdr Msci Usa Small Cap Value Weighted Ucits Etf.
Tutti e quattro i fondi seguono una metodologia che pondera tutte le azioni degli indici tradizionali sulla base di quattro parametri finanziari: sale, book value, earning e cash earning. Utilizzando questi fattori, gli indici si orientano verso i titoli con le caratteristiche di valutazione più basse.
I nuovi Etf si aggiungono all’attuale gamma di prodotti azionari Advanced Beta di SSGA, che includono cinque fondi comuni d’investimento e 13 Etf.

Francesco Lomartire, SPDR ETFs sales specialist per l’Italia e il Ticino di State Street Global Advisors, ha dichiarato: “La crescita degli advanced beta è stata enorme negli ultimi dieci anni, con asset a livello globale quintuplicati dal 2008. Gli investitori sono alla ricerca di nuove soluzioni in grado di coniugare fonti di rendimento e gestione dei rischi del mercato azionario. Le strategie advanced beta, che cercano di isolare i fattori che hanno dimostrato di sovraperformare nel tempo gli indici standard basati sulla capitalizzazione di mercato, rispondono direttamente a questa esigenza. Questi nuovi fondi permettono agli investitori di ottenere un’esposizione al premio al rischio offerto dal fattore value attraverso società con capitalizzazione elevata, media o bassa sia negli Stati Uniti sia in Europa, con tutti i benefici tipici degli ETF in termini di liquidità, trasparenza e flessibilità”.

Deborah Yang, managing director di MSCI Index Business Unit per l’area Emea e l’Asia Meridionale, ha commentato: “MSCI è molto soddisfatta del fatto che SSGA abbia scelto di utilizzare gli indici Msci Value Weighted per la sua gamma di Etf azionari advanced beta. Gli indici fattoriali MSCI sono pensati per offrire benchmark coerenti e accurati in un settore che sta affrontando una rapida espansione”.



SPDRs ETF

 Analisi del mercato globale degli Etp, a febbraio 2015

Dall’ultimo report “BlackRock Global Etp Landscape”, relativo al mese di febbraio, emerge che i flussi globali degli Etp, pari a 50 miliardi di dollari, rappresentano il quarto miglior mese mai registrato, portando la raccolta complessiva da inizio anno a 62,3 miliardi di dollari. In termini di asset class, gli investitori stanno sempre più privilegiando l’azionario ex-Usa e l’obbligazionario corporate, rispetto a segmenti relativamente meno rischiosi.
Le esposizioni azionarie paneuropee hanno segnato un nuovo massimo mensile di 8,9 miliardi di dollari, trainati dall’imminente acquisito di obbligazioni da parte della Bce e all’indebolimento dell'euro, con i flussi che, da inizio anno hanno già raggiunto la quota di 17,4 miliardi di dollari, superando il picco dello scorso anno.
La raccolta sul reddito fisso si è rafforzata, con flussi per 17,8 miliardi di dollari, guidati da un nuovo record mensile di 5,2 miliardi di dollari sugli Etp obbligazionari corporate high yield, a seguito di un intensificarsi della ricerca di rendimento da parte degli investitori.
Invertendo l’andamento negativo degli ultimi cinque mesi, l’azionario dei mercati emergenti ha mostrato segnali di stabilizzazione, con flussi positivi per 2,7 miliardi di dollari, grazie a politiche accomodanti di numerose Banche Centrali e ai persistenti bassi prezzi del petrolio, che hanno favorito esposizioni estese agli Emerging Markets, nonché su Cina e India.
Dopo i pesanti riscatti del mese di gennaio, il rialzo del mercato azionario statunitense ha portato ad un rimbalzo degli Etp Usa, con 3,9 miliardi di dollari di afflussi; modesto, ma pur sempre positivo.

Ursula Marchioni, responsabile della ricerca ETP per l’area Emea di iShares, ha affermato: “A febbraio, l’industria globale degli Etp ha registrato afflussi netti per 50 miliardi di dollari, grazie ai venti favorevoli del Q.E. della Bce, annunciato nel mese di gennaio, e alla distensione dei rapporti tra Grecia e il resto dell’Eurozona. L’obbligazionario ha trainato la raccolta, con flussi mensili per 17,8 miliardi di dollari, seguito da esposizioni sull’azionario europeo con 11,5 miliardi di dollari. Dall’inizio del 2015, gli Etp obbligazionari hanno registrato net inflow di 31 miliardi di dollari, un valore record che batte il precedente picco registrato nel 2014. Gli Etp che consentono un’esposizione ai segmenti corporate bond investment grade e high yield sono stati i principali motori della crescita della raccolta, con 15,7 miliardi di dollari di flussi complessivi, giacché nello spazio del credito continua la ricerca del rendimento. Per l’asset class azionaria, gli Etp europei hanno raccolto su scala globale, da inizio anno, 22 miliardi di dollari, facendo la parte del leone tra i prodotti azionari sui paesi sviluppati, pari complessivamente a 26 miliardi di dollari”.
Entrando nello specifico del Vecchio Continente, Marchioni ha aggiunto: “A febbraio, gli Etp domiciliati in Europa hanno registrato forti flussi, con una raccolta superiore ai 10 miliardi di dollari, per il secondo mese consecutivo. Il patrimonio totale in gestione di questi prodotti ha raggiunto, così, i 491 miliardi di dollari, guidato dagli Etp azionari europei quotati a livello locale, con flussi per 12,5 miliardi (da inizio del 2015), superiori alla raccolta complessiva del triennio 2012-2014".

Emanuele Bellingeri, responsabile per l’Italia di iShares, ha così commentato l’andamento del mercato italiano: “Nei primi due mesi del 2015, i nuovi flussi degli Etf depositati in Monte Titoli hanno ulteriormente accelerato la propria corsa. In particolare, febbraio ha registrato i terzi migliori flussi mensili di sempre. La raccolta si è concentrata soprattutto sull’obbligazionario corporate sia investment grade che high yield, e sull’azionario europeo. Abbiamo, altresì, notato qualche alleggerimento delle attività con le esposizioni al dollaro sia in ambito equity che fixed income. A livello distributivo, crescono i portafogli di asset allocation che usano Etf come sottostanti sia in ambito di prodotti di risparmio gestito sia assicurativo, e prevediamo un ulteriore rapido sviluppo di questo trend”.


Salone del Risparmio
Il 25, 26 e 27 marzo si terrà a Milano l'edizione 2015 de Il Salone del Risparmio, l'appuntamento fisso che si danno annualmente gli addetti ai lavori dell'industria del risparmio gestito.

MondoETF è media supporter dell'evento, e sarà presente con il suo stand e con un Convegno focalizzato sugli ETF e le ETC/ETN.




Nota: riceve questa Newsletter in quanto utente registrato del sito www.ETFplus.it o www.ETFplus.net
Se ha difficoltà nella visione della presente email, può scaricare la newsletter dal seguente Url: http://www.etfplus.net/servizi_newsletter.php
Se non desidera più ricevere questi comunicati da parte della redazione, è pregato d'inviare una email a: cancellazione @ etfplus.it (senza gli spazi), utilizzando l'account di posta elettronica con cui si è registrato, con oggetto: "revoca iscrizione".

Si rammenta che la suddetta cancellazione implica la rimozione completa dei suoi dati dal nostro database, impedendole di fatto il futuro accesso alle aree protette del sito web www.ETFplus.net


© 2015 - ETF Consulting Srl - All rights reserved - Gruppo MondoHedge SpA