» dimenticato la password?
  

invito
 

MondoETF è un mensile in abbonamento che offre un dettagliato aggiornamento sull'industria italiana ed europea degli ETF ed ETC/ETN, con analisi, ricerche, interviste e spunti operativi dagli esperti del settore.

 
Gennaio 2016 (Anno VII - Nr. 65)



Quando si conclude un anno è sempre tempo di bilanci. E quelli sull’industria degli Etf ed Etp sono molto positivi, sia in Italia sia in tutto il resto d’Europa.
La crescita nel Vecchio Continente è stata sostenuta per tutti i mesi del 2015, con flussi netti mensili sempre positivi, nonostante le turbolenze dei mercati dovute alle incertezze sulla Cina e la ripresa economica globale, alle preoccupazioni per il Medio Oriente, e al collasso dei prezzi del petrolio. I mercati azionari sviluppati hanno riportato delle buone performance ─ quelli dell’area Euro e U.S. attorno al +10%, e il Giappone, in particolare, con il +22% (fonte: MSCI, indici Ntr in Eur, al 30 dicembre 2015) ─ ed è qui che si è indirizzata la maggiore raccolta nell’anno.
Hanno sofferto, invece, i mercati azionari emergenti e il settore delle materie prime, frenati dal rallentamento cinese, i cui Etf ed Etp correlati registrano, così, deflussi per gran parte dell’anno.
Significativa è stata la crescita del mercato obbligazionario, trainato dal segmento corporate e high yield, grazie al maggior livello di rischio preso dagli investitori, a caccia di rendimento in un contesto di tassi ai minimi storici.
Quanto ai dati sull’Italia, il patrimonio degli Etf depositato in Monte Titoli aveva registrato, a novembre, un aumento del 31,6% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, per un ammontare di oltre 45 miliardi di euro, e una raccolta netta di oltre 8,3 miliardi (di cui quasi 5 su Etf correlati a indici azionari di paesi sviluppati e 2,8 su Etf del comparto obbligazionario), mentre ammontavano a 4,5 miliardi di euro le masse gestite da Etc ed Etn, che iniziano a occupare, adesso, un posto importante nei portafogli degli investitori italiani (pag. 4 e 6).
Con la fine del 2015, si è avuto, finalmente, in Italia il nulla osta per l’istituzione del tanto atteso Albo unico dei consulenti finanziari: una vittoria per i consulenti indipendenti (definiti “autonomi”), che darà loro il riconosci-mento e la serenità necessarie per operare al meglio con i risparmiatori. Essi sono tra i principali utilizzatori di Etf ed Etp, e nonostante ritenga che saranno necessari almeno un paio d’anni perché gli investitori prendano confidenza con questa figura consulenziale, confido che per il mercato italiano degli Etf ed Etp si prospetti, così, un futuro ancora più roseo di quello attuale.

Marco Ciatto
Editoriale Primopiano Primopiano Intervista
Un altro anno brillante, per gli Etf ed Etp Nuova raccolta record su Etf ed Etp a livello globale ed europeo, nel 2015 Tutti i record dell’ETFplus, e le categorie che, lo scorso anno, hanno spiccato di più Oltre 10 miliardi di euro di raccolta netta su Etf ed Etp per Deutsche Asset Management
News News News Area del mese
Una nuova piattaforma di Etf a replica fisica e risorse aggiuntive, per la crescita di Source Le ultime notizie dall'industria italiana ed europea degli Etp Alla ricerca di rendimento con il Factor Investing Investire sull’energia pulita con gli Etf, dopo la Conferenza delle parti di Parigi
Settore del mese Settore del mese

Grafici e tabelle

Settore del mese
Previsioni incerte per le commodity, nel 2016, sulla scia di una debole ripresa globale La crescita dell’Asia emergente prosegue, ma potrebbe subire un rallentamento Buone prospettive per il settore tecnologico, dove emergeranno ancora i grandi player Amundi ETF raddoppia in Italia sul tema dei Buyback
Grafici e tabelle  

 

 
Dati sul mercato italiano ed europeo degli Etp
I rendimenti e le schede analitiche degli Etp
     



 

copyright 2004 - 2017 - MondoInvestor S.r.l.

crediti
Via Vittor Pisani, 22 - 20124 - Milano 
Cod. Fiscale, P.IVA e nr. Reg. Imprese di Milano 13228870153 – REA N° MI- 1631083
RSS Avvertenze Diritto d'autore Informativa Mappa